Il marketing approda sui dischi: ecco come emergere nel mondo musicale

  • Home /
  • Il marketing approda sui dischi: ecco come emergere nel mondo musicale
marketing-musicale

Il marketing approda sui dischi: ecco come emergere nel mondo musicale

  • Ottobre 9, 2019
  • Posted by Admin
  • 0 comments

Il ruolo del marketing musicale negli ultimi decenni

Non più vendere a tutti i costi ciò che si produce, ma produrre quello che si è in grado di distribuire: così il marketing, da un po’ di tempo a questa parte, approda perfino sui dischi e sulle tracce musicali. L’obiettivo è sempre quello di mirare alla diffusione su ampia scala dei propri brani, mediante condivisioni, vendite e altre strategie.

Negli ultimi anni, infatti, gli acquisti in questo settore hanno subito un calo considerevole presso i negozi fisici, con chiusura di svariati punti vendita e contemporanea diffusione online di compilation e brani di vario genere in piattaforme quali Spotify, Google Pay, iTunes, etc… Questo è un vantaggio non solo per chi acquista delle incisioni musicali, ma anche per voi, che vorreste vendere le vostre tracce in completa autonomia, aggirando il più possibile le intermediazioni e massimizzando i profitti.

Dai dischi allo streaming musicale

Da sempre, il marketing discografico mira a promuovere e distribuire al grande pubblico la musica dei talenti emergenti e di quelli affermati. Trascorsa l’epoca dei dischi, c’è stato un momento storico nel quale audiocassette e CD popolavano il mercato del settore: un periodo di transizione che ha portato, sul finire degli anni Ottanta, all’evoluzione verso il formato MPEG, definito successivamente come MP3. L’avvento contemporaneo di Internet è stato un’arma a doppio taglio:

  • da una parte, ha portato a un’accessibilità e a una diffusione della musica senza precedenti storici, poiché superava il problema del prezzo dei compact disc, ritenuto eccessivo perfino da buona parte dei commercianti;
  • d’altro canto, sorse il problema della musica pirata: molti siti web che permettevano di scaricare brani e intere collezioni vennero chiusi, alcuni in maniera definitiva.

Nel 2008 la fruizione delle tracce in streaming prese il sopravvento e, ad oggi, copre circa la metà di tutta la produzione musicale digitale. Spotify, pioniera nel settore, è rimasta la piattaforma leader indiscussa, nonostante la nascita di vari competitors negli ultimi anni. Oltre a farvi accedere in modo semplice e immediato ai contenuti desiderati, la sua diffusione è ormai capillare. È da prendere anche in considerazione la possibilità di acquistare followers Spotify italiani reali e attivi nei profili, per dare una spinta iniziale alla propria carriera musicale, risultando da subito più visibili.

Come emergere nel mondo della musica?

Naturalmente, il processo che va dal caricamento delle tracce alla diffusione su larga scala non va condotto a casaccio, ma seguendo precisi criteri per rendere produttive le tecniche di marketing, arrivando a fare dell’attività musicale un vero e proprio giro d’affari.

Per accelerare i tempi ed emergere rapidamente in questo campo, si consiglia vivamente di:

  • partecipare a corsi di specializzazione in business, soprattutto nel caso in cui vorreste evitare l’intermediazione delle case discografiche. Come già saprete, infatti, perfino i gestori di queste ultime hanno dovuto ammettere quanto fosse importante l’impatto di divulgazione della musica tramite il web, tanto da incoraggiare loro stessi, durante l’ultimo ventennio, tale strada. In modo più veloce e diretto rispetto al percorso classico, si superano i limiti della divulgazione tramite radio e stampa.
  • Dare la possibilità di scaricare musica su dispositivi portatili, come smartphone e tablet, incide sull’utilizzo di una piattaforma rispetto ad un’altra. In merito a tale opportunità, una strategia di marketing molto efficace è la fruizione di brani gratuiti: in questa maniera, farete capire ai vostri ammiratori che v’interessa il rapporto con loro e non solo il puro e semplice guadagno.
  • Aprire un profilo sui principali canali di musica e social network, corredato di contenuti mirati e fotografie professionali, aiuta in modo non indifferente ad affermarsi nel mondo musicale Le piattaforme più utilizzate per farsi conoscere in tutto il pianeta sono Facebook, Messenger, Twitter, Snapchat e WhatsApp, mentre sul mercato asiatico fanno breccia soprattutto WeChat e Line. Questo significa che calibrerete la scelta del portale in base al target di riferimento, preferendo, a seconda delle situazioni, un canale rispetto a un altro per interagire con i vostri ascoltatori.

L’importanza del brand nel marketing musicale

Per dare un’impronta inconfondibile alla vostra attività, dovete capire i gusti del pubblico e gli aspetti per i quali potete differenziarvi dalla concorrenza; questo si può fare conoscendo a fondo:

  • generi musicali;
  • storia;
  • panorama musicale passato e presente.

Sotto questi presupposti, potete procedere alla fondazione del brand: se giocate bene questa carta, i vostri estimatori vi riconosceranno tra tutti gli altri autori senza difficoltà.
Nel definirlo, dovete scegliere quattro o cinque caratteristiche identificative che saranno i pilastri del vostro marchio sul mercato. Impostatelo in modo che piaccia ai fans fin da subito, perché generalmente essi non amano tanti stravolgimenti.

Altro punto da curare in ambito di marketing è l’immagine, meglio ancora se questa viene associata a una prestigiosa azienda di moda: avrà un maggiore impatto sul grande pubblico.

Per ottimizzare il proprio personal branding, aggiornare i propri contenuti online frequentemente o, comunque, a cadenze regolari.

Il crowdfunding: finanziamenti e promozione

Crowdfunding: un vocabolo moderno che sostituisce la più familiare parola “colletta”.
Terminologia a parte, questo metodo funziona sempre, quindi perché non farvi aiutare dai vostri sostenitori? Sarebbero felici di contribuire alla vostra causa.

Oltre al tradizionale passaparola, oggi esistono delle vere e proprie piattaforme perfette per perseguire questa finalità: una delle più conosciute e affermate è MusicRaiser. In cambio di un contributo in denaro, potete offrire ai vostri fans dei gadget autografati o delle edizioni limitate delle vostre compilation, non destinate alla vendita.

È essenziale seguire, nelle operazioni di crowdfunding, alcune semplici regole:

  • promuovere fin dall’inizio il vostro progetto;
  • non chiedere un importo complessivo più alto di quello che realmente serve;
  • essere chiari in tutto ciò che farete con i fondi raccolti.

Quanto ai modi per guadagnare, concorrono ai profitti le campagne pubblicitarie ben studiate e l’auto promozione. Quest’ultima deve essere efficace e, allo stesso tempo, discreta nei confronti del fruitore finale, quindi si raccomanda di evitare i bombardamenti di pubblicità, per non diventare pesanti e invadenti.

Infine, ricordare di organizzare i contenuti secondo una scaletta o, meglio ancora, un piano editoriale, in modo da tenere presente il filo conduttore di tutto il progetto in ogni sua fase. Un occhio di riguardo va agli aggiornamenti personali, che soddisfano maggiormente la curiosità del pubblico; a titolo esemplificativo, basta ricordare alcune modalità proficue e collaudate:

  • collaborazioni con altri autori, che permettono di dare valore aggiunto alla vostra attività musicale e a quella delle voci ospiti;
  • fotografie o video di backstage;
  • selfies di vita quotidiana;
  • riprese fuori programma: anche se imperfette, vi faranno apparire più umani e vicini all’utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *